Crotone – Torino 0-2: solito copione ma con finale a sorpresa

Belotti in fuorigioco sigla l'1-0

La faccia di bronzo di Sinisa Mihajlovic a fine partita, dice che il Torino ha meritato il risultato e che si sarebbe aspettato di segnare facilmente già nel primo tempo. Lo slavo dalla memoria corta, aveva evidentemente dimenticato la scoppola sul campo subita lo scorso anno a S.Siro allora allenatore del Milan, quando non bastarono 90 minuti per piegare una squadra di Serie B. La differenza sostanziale rispetto alla gara dello scorso anno, a parte la categoria, sta nella guida tecnica sulla panchina dei rossoblù. Ivan Juric, spessore e pelo sullo stomaco da vendere, avrebbe stritolato questa volta anche sul punteggio finale, lo sbruffone di Sinisa.

Ma così non è, evidentemente. Il Crotone vorrebbe risvegliarsi al lunedì con altri tre punti in cascina, conquistati allo Scida dopo quelli contro il Chievo, per ridare spirito e linfa a questo campionato, che sembra aver delineato più che mai nelle ultime attuali 4 squadre, le pretendenti ai tre posti per retrocedere. Nicola ripone lo scettro nelle mani di Palladino, ancora una volta titolare. Ed ancora una volta lo ripaga degnamente, non concretizzando o fornendo assist, neanche una delle 9 azioni che capitano tra i piedi del giocatore campano. Inspiegabilmente Stojan rimane in panchina fino all’82 e Palladino in campo. Poi il genio piemontese decide di inserirlo, ma non al posto di Palladino, ma di Rodhen, e ci starebbe pure, vista la pessima gara dello svedese. Ma sulle tribune dello Scida ci si era accorti della sua giornata no già a fine primo tempo. Così come era evidente ai gradoni bagnati della curva, che Trotta avrebbe meritato una bella doccia calda anticipata. Ma niente, Simy entra a 18 minuti dal termine.

Nonostante ciò, per quanto lo slavo recrimini e dichiari a fine partita, si arriva all’80 senza che il Torino veda la porta di Cordaz neanche una volta, perché il Crotone in difesa è semplicemente impeccabile. Così entra in gioco la variante arbitri: non bastano 1.5 metri di fuorigioco per fermare Belotti. Il giovane rampante attaccante della nazionale deve crescere nel bottino dei gol e nel patrimonio di Cairo; quindi, al diavolo il fuorigioco. Gol regolare dice la mummia di Celi e partita finita. Anzi no, c’è ancora tempo per sorvolare sull’atterramento di Rossettini ai danni di Falcinelli, plateale la strattonata, ma chiuso nel suo sarcofago, Celi dice che si può proseguire fino alla fine. Non prima che Belotti si porti a dieci reti (buone e non) che vale la testa della classifica marcatori.

 

Condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePrint this page

2 commenti

  1. WOlfman in 21/11/2016 il 12:02

    ..a parte tutto quello che di sacrosanto è scritto in questo articolo vorrei aggiungere che ( non prendendo le parti di nessuno ) dare giudizi sulla società da parte degli ultras alla fine di un partita RUBATA non fa bene ai giocatori e alla gente.
    Fischiare quei ragazzi che hanno buttato l’anima e che caratterialmente ( e non tecnicamente ) non meritano quella posizione di classifica è un errore.
    Se i cambi del Crotone pare siano bloccati fino a 3/4 gara e oltre non è colpa della squadra ma di chi la dirige PERÒ se chi entra non fa la differenza è colpa di una panchina estremamente corta. La rosa dei giocatori non ha eccellenze, la sua amalgama ha subito ritardi sia x l’assegnazione ritardata di un mister ( pare che abbiamo la lebbra o…pare che non abbiamo dinero 😉 ) che x l’adattamento a ruoli dei giocatori. Detto tutto questo c’è altro che non va xche saremmo in zona uefa se le partite durassero 80′ e addirittura a 19 punti se durassero 45′ .
    Ma…coi se e coi ma non si fa nulla.
    Coi soldi si…speriamo in babbo natale !

  2. enzo.squalo in 26/11/2016 il 12:05

    Mi permetto di intervenire solo alla vigilia della partita con la Samp, ma non per entrare nel merito di questioni tecniche di quanto sopra scritto (ne abbiamo dette e ridette… ne ho piene le p…. e non vorrei tediare nessuno), ma solo per correggere l’utente WOLFMAN.
    Ma caro Uomo Lupo, tu alla partita c’eri?
    E quand’è che avresti visto e/o sentito fischiare i calciatori?
    Semmai, e solo alla fine, una piccola (ma piccola) contestazione (che più che altro era una richiesta/invito) c’è stata all’indirizzo della società (leggasi Raffaele Vrenna).
    Di contro cori IN FAVORE di Sasà Gualtieri e, soprattutto, IN FAVORE DELLA SQUADRA!!!
    Tant’è che i calciatori a fine partita si sono fermati un bel pò al centro del campo a ricevere i convinti e meritati APPLAUSI!!! (….io mi sono spellato le mani).

    Scusa Wolfman, ma era dovuto, per non far passare una errata affermazione che potrebbe offendere una tifoseria modello, tanto calda quanto matura, e far formare in chi legge e non era allo Scida una idea errata e fuorviante del tifo Crotoniate. E per dare un riconoscimento anche ad essa.

    Ora e sempre, Forza Crotone!!!

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.